Nurse24.it
Ostetrica
Redazione

Profilassi malattia tromboembolica in travaglio e parto

Durante la gravidanza, in travaglio e durante il puerperio si determina un cambiamento emocoagulativo verso un’azione pro-coagulante che condiziona un’aumentata incidenza di tromboembolia venosa (TEV). Dopo aver individuato i casi a rischio attraverso l’opportuno screening bisogna iniziare una tromb

Redazione

Profilassi malattia tromboembolica in gravidanza e puerperio

Tutte le donne che affrontano una gravidanza dovrebbero essere sottoposte ad una attenta valutazione dei fattori di rischio di tromboembolismo venoso (TEV) nelle prime settimane di gestazione o prima della gravidanza. Dopo aver eseguito lo screening e valutato il rischio tromboembolico è opportuno i

Sara Visconti

Febbre materna e sorveglianza benessere fetale in travaglio

In caso di febbre materna (T > 38°) è indicato sorvegliare il benessere fetale tramite monitoraggio cardiotocografico (CTG) continuo. Le infezioni endouterine si associano alle anomalie del battito cardiaco fetale, tuttavia va ricordato che il monitoraggio cardiotocografico non è un valido predittor

Redazione

Assistenza e coordinamento ostetrico in ginecologia

La ginecologia è il ramo della medicina che studia e cura le malattie dell'apparato genitale femminile e gli eventi della vita sessuale della donna. Il reparto di ginecologia offre un’assistenza ambulatoriale di prevenzione, diagnosi e cura e una degenza pre e post-chirurgica di day hospital e day s

Sara Visconti

Sistemi di allerta precoce in ostetricia: MEOWS

La gravidanza, il parto e il periodo post-natale sono eventi fisiologici; il monitoraggio clinico durante il percorso nascita deve in ogni caso rappresentare una parte integrante del processo assistenziale al fine di poter riconoscere precocemente un eventuale deterioramento delle condizioni general

Sara Visconti

Gestione clinica della sepsi ostetrica: sepsis six

La gestione della sepsi materna costituisce una sfida complessa per i professionisti della salute in ambito ostetrico, poiché i soggetti coinvolti contemporaneamente sono due (madre e feto) e i cambiamenti fisiologici della gravidanza possono mascherare e confondere i segni dell’infezione rendendo p

Sara Visconti

Sepsi in ostetricia, perché parlarne

La sepsi in gravidanza, secondo un’analisi eseguita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è responsabile del 10,7% delle morti materne a livello globale e si colloca al terzo posto tra le cause di morte materna, preceduta dall’emorragia che causa il 27% dei decessi e dai disordini ipertensivi p

Redazione

Malattia Trombo Embolica in gravidanza e puerperio

La malattia trombo embolica o trombosi venosa profonda (TVP) è lo sviluppo di formazioni trombotiche nel distretto venoso profondo (frequentemente a carico di un arto inferiore o in gravidanza più spesso a livello iliaco-femorale). In gravidanza aumenta lo stato di “coagulabilità” che probabilmente

Redazione

Taglio cesareo emergente

Soprattutto durante il travaglio, ma anche prima del termine della gravidanza, possono emergere alcune complicanze che costringono il ginecologo a ricorrere al taglio cesareo urgente/emergente quando il parto vaginale risulta meccanicamente impossibile o può comportare rischi eccessivi per il feto e

Mavì Puglia

Herpes genitale in gravidanza

L’herpes genitale è un virus che può essere comunemente contratto anche dalle donne in gravidanza, le quali sono a rischio di trasmetterlo al feto per contatto al momento del parto. L’incidenza di tale infezione è di 5-80 casi per 100.000 nati vivi. In molti casi comunque si tratta di vecchie infezi

Redazione

Il taglio cesareo sul benessere materno-fetale

Il taglio cesareo è un intervento chirurgico non privo di rischi; se non ci sono controindicazioni, infatti, è sempre preferibile il parto naturale per il benessere della mamma e del bambino. Al contrario di quanto si pensi l’aumento del numero dei tagli cesari non ha diminuito l’incidenza delle par

Corradino Ignelzi

Quando il parto cesareo è per scelta e non per necessità

La richiesta materna non è un’indicazione al taglio cesareo (TC) e sarebbe opportuno approfondire e discutere con la donna dei benefici e rischi del TC rispetto al parto vaginale. La gravidanza è un’esperienza che si conclude col parto, ma quest’ultimo è frequentemente atteso e visto con paura. Molt

Corradino Ignelzi

Anestesia per parto cesareo

Il taglio cesareo (TC) è un intervento addominale maggiore e necessita di un’anestesia specifica in base alle caratteristiche materne e ostetriche, ma soprattutto dal grado di urgenza. Ogni donna prima di un taglio cesareo dovrebbe essere sottoposta ad una valutazione preoperatoria chirurgica e anes

Corradino Ignelzi

Parto cesareo. Classificazione e rischi

Il taglio cesareo (TC) è un intervento chirurgico mediante il quale uno o più feti, la placenta e le membrane amnio-coriali vengono estratti attraverso una incisione della parete addominale (laparotomia) e uterina (isterotomia), fino al raggiungimento delle rispettive cavità. Si parla di taglio cesa

Redazione

Partono i lavori di revisione del Codice deontologico

La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (Fnopo) ha dato il via ai lavori per la revisione del proprio Codice deontologico, un documento che servirà a rispondere al meglio alle nuove tematiche e responsabilità etico-morali che la professione si trova (e si troverà) sempre

Corradino Ignelzi

Non Invasive Prenatal Test: NIPT gratis in Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna sarà possibile, dopo una fase pilota, ricorrere al Nipt (Non invasive prenatal test), un test di screening non invasivo (basta un semplice prelievo di sangue) e sicuro per donna e feto. Parte da Bologna il 27 gennaio 2020 l’introduzione del nuovo test prenatale non invasivo, che la

Mavì Puglia

HIV in gravidanza

L’HIV è una delle malattie ad oggi più presenti e colpisce soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Nel 2016 le persone affette da HIV nel mondo sono state stimate 36,7 milioni, di cui le nuove infezioni circa 1,8 milioni. Le donne sono 17,8 milioni mentre i bambini con un’età inferiore ai quindici

Mavì Puglia

Parvovirus B 19 in gravidanza

Il Parvovirus B 19 è l’agente eziologico responsabile della quinta malattia, anche conosciuta come eritema infettivo; può contagiare sia i bambini in età scolare che la popolazione adulta. Risulta molto rischioso quando l’infezione avviene in donne gravide, soprattutto nei primi due trimestri di gra

Mavì Puglia

Varicella in gravidanza

La varicella è una malattia esantematica che compare in età infantile, ma spesso si può essere contagiati anche in età adulta, con un’incidenza che in Italia arriva al 7 % dei casi nella fascia di popolazione tra i 14-45 anni.Gravidanza e VaricellaQuando l’infezione è contratta dalle donne in gravid

Mavì Puglia

Sifilide in gravidanza

La sifilide in gravidanza è una patologia altamente connessa con morbilità e mortalità fetale; essa infatti può causare gravi problemi teratogeni fetali, fino ad arrivare alla morte endouterina. Sebbene la sifilide venga indicata come una patologia del passato, ad oggi il tasso di incidenza della st

Corradino Ignelzi

Violenza sulle donne, il 25 novembre è la giornata per dire no

Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. È una ricorrenza istituita nel 1999 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite in ricordo del brutale assassinio delle tre sorelle Mirabal (Repubblica Dominicana, 1960), considerate esempio di donne rivol

Sara Visconti

Gestione e terapia della malattia emolitica feto-natale

La malattia emolitica del feto e del neonato (MEFN), nonostante l’introduzione dalla fine degli anni Sessanta della profilassi anti-D dopo il parto, ha un’incidenza di 0.4 su 1000 nascite ed è la causa più frequente di anemia fetale. La malattia emolitica feto-neonatale può presentare differenti liv

Ilaria Campagna

Infezione da Citomegalovirus in gravidanza

L’infezione da Citomegalovirus in gravidanza è la più comune infezione congenita di tipo virale e insieme alla Toxoplasmosi, alla Rosolia e all’infezione da Herpes Simplex rappresenta anche la maggiore causa di gravi danni al feto. Secondo il Center for Disease Control and Prevention (CDC), a livell

Corradino Ignelzi

Pretermine e neonati prematuri, conseguenze sulla salute

In Europa si stima che ogni anno il 5-10% (6,9% in Italia) dei nati vivi siano prematuri, cioè nati prima che la gravidanza sia giunta a termine e questo ha pesanti ripercussioni sulle famiglie e sull’economia dell’assistenza sanitaria. Il 17 novembre si celebra la Giornata mondiale della prematurit