Dispareunia

Dispareunia

Scritto il 27/06/2021
da Sara Pieri

La dispareunia è un disturbo accusato dalla donna durante un rapporto sessuale, di natura dolorosa, che può essere avvertito nella zona circostante l’orifizio vaginale, quindi a livello superficiale, oppure durante la penetrazione, in cui il dolore è percepito a livello delle pelvi. Può dare bruciore persistente oppure essere di tipo crampiforme; è fortemente influenzato dalle emozioni, le quali possono amplificare la sensazione dolorosa (come accade dopo esperienze traumatiche).

Cause di dispareunia

Il dolore causato dalla dispareunia è fortemente influenzato dalle emozioni, che possono amplificare la sensazione dolorosa

La causa della dispareunia varia in base alla profondità del dolore: superficiale o profondo. Quando si tratta di dolore superficiale solitamente la causa principale è legata al fatto che la vagina non secerne sufficienti fluidi e non è correttamente lubrificata per il rapporto.

Altre cause possono essere: maggiore sensibilità dei genitali esterni, infezione o infiammazione della zona genitale o delle vie urinarie, presenza di lesioni, reazioni allergiche a preservativi in lattice o lubrificanti, anomalie genetiche.

Quando invece si tratta di dolore profondo, durante o dopo un rapporto sessuale, le cause possono essere: infezione di cervice, utero o tube di Falloppio, endometriosi, presenza di cisti ovariche, neoformazioni delle pelvi, presenza di tessuto cicatriziale, contrazione involontaria del pavimento pelvico.

Diagnosi e trattamento

Per poter fare una diagnosi corretta è necessario che il medico esegua un esame obiettivo dettagliato associato a una descrizione da parte della donna del tipo di dolore percepito. Un esame diretto dell’area genitale permette di riscontrare segni visibili di infiammazione o anomalie, per cui è necessario un esame approfondito. Può rendersi indispensabile anche eseguire biopsie del tessuto.

Il trattamento è volto alla risoluzione della causa che scatena il dolore. Nel caso di dolori superficiali, viene consigliata una maggiore attenzione ai preliminari per aumentare la lubrificazione naturale della vagina, l’utilizzo ausiliario di lubrificanti o pomate anestetiche.

Per il trattamento di dolori profondi può essere consigliato in prima battuta di provare posizioni differenti durante il rapporto, in caso di problematiche organiche risulta invece necessario un trattamento specifico verso la causa, come ad esempio: rimozione di cisti, terapia in caso di infezione, ecc.

Risulta inoltre consigliato, in ognuno dei due casi, il ricorso anche a esercizi per il rilassamento della muscolatura pelvica ed eventuali percorsi di psicoterapia, considerando l’impatto emotivo che questo disturbo può avere sia sulla donna stessa che sulla vita di coppia.