AIUC e SIMITU: necessario un PDTA per lesioni cutanee in Piemonte

Scritto il 06/02/2024
da Redazione

Nell'ambito dell'importante questione delle lesioni cutanee croniche, l'Associazione Italiana Ulcere Cutanee (AIUC) e la Associazione dei Pazienti Portatori di Lesioni Cutanee Croniche (SIMITU) hanno sollevato un appello urgente alla Regione Piemonte per un intervento mirato e tempestivo per un problema che colpisce fra 60mila e 80mila persone in Piemonte.

IV Commissione della Regione Piemonte ha incontrato la delegazione AIUC

In un incontro avvenuto il 29 gennaio scorso presso Palazzo Lascaris, la IV Commissione della Regione Piemonte ha ascoltato le preoccupazioni e le richieste delle due associazioni. Manuela Galleazzi, responsabile regione Piemonte di AIUC, e il Dr. Elia Ricci componente del consiglio direttivo nazionale di SIMITU, hanno evidenziato la necessità di un Piano Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) specifico per le lesioni cutanee croniche, un progetto che richiederebbe due anni di lavoro.

Nonostante il Piemonte abbia compiuto passi in avanti, spiega il Dr. Elia Ricci, riconoscendo la visita vulnologica, i pazienti spesso si trovano smarriti nel cercare cure adeguate.

foto aiuc in audizione presso la Regione Piemonte

Un elemento chiave emerso durante l'audizione è l'urgente bisogno di un intervento finanziario adeguato. In Italia, l'investimento pro capite annuale per le medicazioni è di soli 83 centesimi, mentre per i bendaggi si limita a 4 centesimi. Sebbene il Piemonte abbia superato la media nazionale con un investimento di 1,3 euro all'anno, è ancora lontano dalla media europea di 2,5 euro.

I rappresentanti di AIUC e SIMITU hanno sottolineato che, nonostante i progressi compiuti in passato dal Piemonte nel campo della vulnologia, molto resta da fare. Le lesioni cutanee croniche colpiscono tra i 60.000 e gli 80.000 piemontesi, e un intervento mirato potrebbe migliorare significativamente la curva dei ricoveri e delle amputazioni.

Durante l'incontro, è stato presentato il ricco background della Regione Piemonte in questo settore, che annovera il primo riconoscimento della Vulnologia nel 1997 e l'istituzione del Master di Vulnologia presso l'Università di Torino nel 2008.

Un PDTA per le lesioni cutanee croniche

L'AIUC si è dichiarata disponibile ad attivarsi immediatamente per collaborare con la Regione Piemonte, offrendo le proprie risorse per contribuire a definire un PDTA efficace. Tale piano consentirebbe di ridurre i tempi di attesa per i trattamenti adeguati, fornendo un iter diagnostico e terapeutico riconosciuto.

AIUC e SIMITU esprimono gratitudine alla IV Commissione della Regione Piemonte, in particolare al Vice Presidente della commissione, il dottor Andrea Cane, e al Consigliere Raffaele Gallo, che hanno concesso loro questa opportunità di dialogo costruttivo. Le due associazioni sono pronte a collaborare attivamente per migliorare l'assistenza e controllare la spesa nel settore delle lesioni cutanee croniche.