Nursing Up: cancellare norma taglia pensioni

Nursing Up: cancellare norma taglia pensioni

Scritto il 14/11/2023
da Redazione

Cancellare subito la norma taglia pensioni. Al via le mobilitazioni da Nord a Sud, gli infermieri sono stanchi delle promesse a vuoto. Così Antonio De Palma, presidente del sindacato Nursing Up, dopo il faccia a faccia con Ministro della Salute Schillaci.

De Palma: infermieri stanchi di promesse a vuoto, al via le mobilitazioni

Nursing Up: al via le mobilitazioni degli infermieri da Nord a Sud

Non è affatto casuale che il nostro atteso faccia a faccia con il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, sia arrivato alla vigilia della proclamazione ufficiale delle date delle nostre legittime mobilitazioni di protesta da Nord a Sud.

Così in una nota Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, che spiega: Si è trattato di un confronto franco, ma determinato che dimostra, da un lato, quanto sindacati come il nostro siano da sempre concretamente aperti al dialogo, ma che dall'altro non muta affatto i nostri intenti.

Gli infermieri italiani e tutti gli altri professionisti sanitari dell'assistenza sono stanchi, logorati e arrabbiati e per questa ragione hanno deciso di mobilitarsi sul tutto il territorio nazionale attraverso manifestazioni di protesta e sit in, coinvolgendo anche i Prefetti, affinché agiscano, in qualità di rappresentanti del Governo, sulle Regioni, sulla Presidenza del Consiglio, sugli stessi Ministri della Salute e del Lavoro, e sul Comitato di Settore, per ottenere risposte chiare e precise alle richieste di valorizzazione delle professionalità infermieristiche e di quelle ex legge 43/2006.

Per De Palma il messaggio sull'attuale stato d'animo dei professionisti dell'assistenza è quindi arrivato forte e chiaro, attraverso la nostra voce, al Ministro Schillaci, con il quale sono stati affrontati i delicati punti chiave di quelle questioni di cui ci premeva, da giorni, maggiormente discutere: ovvero alcuni dei contenuti della bozza della Legge di Bilancio.

Ancora: Il solo pensare di toccare le pensioni dei professionisti dell'assistenza viene visto, da parte loro , come un alto tradimento: sono state queste le parole che mi son sentito personalmente di esprimere al Ministro durante il nostro incontro, continua De Palma. La politica non può permettersi di fare cassa sulla pelle degli infermieri, che ogni giorno combattono, tra mille disagi, per la tutela della salute della collettività e che tanto hanno dato in termini di sacrificio, a rischio della propria vita, durante il Covid. Siamo allora stati chiari e abbiamo ribadito la nostra posizione circa la necessità di cancellare del tutto questa sciagurata norma, che non farà altro che fomentare, quando verrà messa in atto, le fughe dal SSN, le dimissioni volontarie e la richiesta di pensionamenti anticipati. E non abbiamo certamente bisogno di tutto questo, ora come in futuro.

Per il Nursing Up il rinvio dell'applicazione della norma 'taglia pensioni' al 2027, non può essere proposto come alternativa alla sua applicazione già dal 2024, perché è chiaro che qualsiasi modo per allontanare l'amaro calice, di fronte al rischio di vedersi svuotare le tasche sin dal subito, può rappresentare un modo per avere ulteriore tempo a disposizione, per lavorare sulla politica e far bloccare la norma, ma Nursing Up vuole la sua definitiva cancellazione.

Invece accogliamo positivamente ed è stato questo uno dei punti chiave dell'incontro con il Ministro, la volontà di modificare l'articolo 10 comma 5 della bozza della legge di bilancio, con l'inserimento da noi richiesto, della professione infermieristica tra quelle da valorizzare. Aspettiamo anche l'integrazione della norma con le altre professionalità dell'assistenza. Occorre ora, e lo abbiamo ribadito al Prof Schillaci, destinare risorse specifiche del monte risorse contrattuali previsto, pari a 2 miliardi e 300 milioni, ai professionisti dell'assistenza, e far sì che questa modifica non si traduca in una scatola vuota, o in una vana promessa scritta solo sulla carta.

Nel frattempo, gli infermieri italiani hanno scelto di manifestare il proprio malcontento nelle Regioni Italiane: Cortei, flash mob, sit in e manifestazioni, e se tutto questo non dovesse bastare - chiosa De Palma - siamo pronti ad ulteriori iniziative di protesta, per raccontare i nostri disagi ai cittadini e alla stampa, ma soprattutto per spingere la politica a rivedere finalmente questo metodo, che non tiene assolutamente in considerazione il cuore pulsante della sanità italiana: e cioè i professionisti dell'assistenza.