Disturbo d’ansia generalizzato

Disturbo d’ansia generalizzato

Scritto il 08/05/2019
da Giacomo Sebastiano Canova

Il disturbo d’ansia generalizzato si caratterizza per la presenza di ansia con esordio graduale e andamento cronico-persistente, di intensità moderata. Il soggetto presenta una preoccupazione eccessiva, difficile da controllare e più duratura delle abituali preoccupazioni dei soggetti sani; talvolta si tratta di un preoccuparsi per gli altri più che per sé stessi. Le tematiche dei soggetti con disturbo d’ansia generalizzato vertono tutte attorno alla vulnerabilità.

Segni e sintomi del disturbo d’ansia generalizzato

Alcuni dei segni presentati dal paziente con disturbo d’ansia generalizzato derivano da un aumento dell’attività del sistema nervoso autonomo.

Per questo motivo, il paziente con disturbo d’ansia generalizzato può presentare sudorazione, palpitazioni, bocca secca, vertigini e/o malessere gastrico.

In riferimento al corollario sintomatologico, esso può essere suddiviso in:

  1. Sintomi psichici: irritabilità, difficoltà di concentrazione, ipersensibilità ai rumori, disturbi della memoria
  2. Sintomi motori: tensione motoria, irrequietezza, tremore, incapacità a rilassarsi, cefalea (abitualmente bilaterale, gravativa, frontale o occipitale, a cerchio o a casco)
  3. Sintomi autonomici:
  • Gastrointestinali: bocca secca, difficoltà ad ingoiare, borborigmi, spasmi addominali
  • Respiratori: sensazione di costrizione toracica, difficoltà ad inspirare e conseguente iperventilazione
  • Cardiovascolari: sensazione di malessere precordiale, palpitazioni, sensazioni di battiti mancanti
  • Genitourinari: minzione frequente e impellente, impotenza erigendi, mancanza del desiderio sessuale, malessere perimestruale
  • Sistema nervoso: sensazione di offuscamento della vista, instabilità nella marcia e nella postura, insonnia (difficoltà nell’addormentamento, risvegli frequenti e terrori notturni), sintomi depressivi