Molise: Fials chiede ad Asrem revoca del concorso

Molise: Fials chiede ad Asrem revoca del concorso

Scritto il 13/10/2021
da Massimo Canorro

Revocare integralmente il provvedimento e mettere a concorso almeno i 200 posti per infermiere previsti all’interno del piano assunzionale. È quanto chiede la Fials all’Azienda sanitaria regionale del Molise, che ha bandito un concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 45 infermieri. Il segretario regionale, Vasile: «Basta risparmiare sulla spesa del personale. Attendiamo risposte».

Fials: mettere a concorso 200 posti infermieri come da piano assunzioni

Fials chiede revoca concorso per 45 infermieri Asrem: Il piano prevede 200 assunzioni

L’Asrem, l’Azienda sanitaria regionale del Molise, ha bandito un concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 45 infermieri.

Ma la Fials non ci sta e per voce del segretario regionale, Carmine Vasile, non solo sottolinea le criticità del bando pubblicato dall’Azienda sanitaria ma invia una diffida, poiché non si può continuare a risparmiare sulla spesa del personale. Occorrono più operatori, mentre dal direttore generale e dal commissario alla sanità abbiamo ascoltato solo proclami.

Dunque, il concorso per assumere 45 infermieri a tempo indeterminato – assunzioni che vanno ad aggiungersi a quelle preventivamente programmate e previste nel piano occupazionale, riporta il provvedimento – non basterebbe in alcun modo a coprire le carenze di organico.

Occorre revocarlo. È particolarmente duro, nella sua presa di posizione, il segretario della Fials Molise, che congiuntamente a diffidare l’Azienda sanitaria ad attuare il provvedimento rimarca tutte le criticità del medesimo bando che, a suo parere, non rispecchia quanto previsto nel piano occupazionale che è stato il focus del confronto tra gli stessi vertici Asrem e la Fials.

Incalza Vasile: Questo bando era logico è condivisibile se fatto entro il 2020 poiché in deroga al piano di assunzioni di personale 2018/2020. Non è stato logico pubblicarlo al termine del 2021 nonché all’indomani dell’approvazione del piano occupazione 2021/2023 adottato dall’Asrem. Solo pochi giorni fa, il sindacato rimarcava che dei ventilati 900 posti previsti in detto piano nel triennio 2021/2023, di fatto 200 sono già occupati da duecento infermieri assunti a tempo determinato, 150 sono già occupati da OSS assunti allo stesso modo, ed oltre 100 posti sono occupati da altre figure professionali.

Il numero dei dipendenti, dunque, non sembra verrà incrementato come auspicato e, sempre in merito al piano di occupazione, la Fials ricorda che questo prevede non solo l’assunzione di 200 infermieri a tempo indeterminato entro la fine dell’anno, ma anche la stabilizzazione di cinque operatori perché in possesso dei requisiti di legge. Ma finora è rimasto su carta dal momento che il concorso prevede, appunto, posti solo per 45 infermieri.

La Fials, rammenta Vasile, non aveva condiviso l’impianto del piano occupazionale poiché non erano previste le figure professionali fondamentali per sopperire a tutte le carenze di organico. Fondandosi su tali premesse e non potendo dimenticare le grandi difficoltà vissute dal personale negli ospedali molisani, il sindacato chiede alla direzione dell’Asrem di revocare integralmente il provvedimento e mettere a concorso almeno i 200 posti per infermiere previsti nel piano di assunzioni del personale. Di fatto, per il sindacato, assumere 45 infermieri a fronte dei 200 previsti rappresenta un’incongruità e va a ridimensionare le aspettative dei lavoratori.