Nursing Up: 4 luglio rappresentanze infermieri in piazza

Nursing Up: 4 luglio rappresentanze infermieri in piazza

Scritto il 04/07/2020
da Redazione

Infermieri in piazza uniti per chiedere quegli aumenti in busta paga che meritiamo, più di ogni altra categoria professionale, e non solo per quanto profuso sul campo contro la pandemia. Per questo il 4 luglio a Milano sono arrivati infermieri da tutta Italia - spiega il presidente del sindacato Nursing Up, Antonio De Palma, che ha voluto una nuova manifestazione generale - Giorni fa, abbiamo incontrato il Vice Ministro Sileri, gli abbiamo chiesto 500 euro di aumento in busta paga. Ci aspettiamo adesso risposte concrete.

Il 4 luglio degli infermieri, De Palma: tutti uniti per la categoria

Scendiamo in piazza Duomo per chiedere ancora una volta, a gran voce, un riconoscimento economico che sia strutturale. E ci stringiamo, più che mai vicini, affinché la nostra rabbia arrivi anche agli occhi e alle orecchie di chi ci ha voltato le spalle, di chi fa finta di non vederci. Di chi si fa beffa di noi spendendo parole auliche, per poi abbandonarci al nostro destino.

Annuncia così la manifestazione del 4 luglio Antionio De Palma, presidente del sindacato Nursing Up, che arriva dopo un mese di giugno rovente dal punto di vista delle legittime prese di posizione degli infermieri.

Milano è un atto dovuto - spiega De Palma - essere qui sarà un gesto d'amore verso i nostri colleghi, infermieri di una regione che più degli altri hanno vissuto sulla propria pelle il dramma, la paura, l'ansia, il contagio e anche la morte, per difendere la salute dei cittadini. La manifestazione generale del 4 luglio voluta dal sindacato Nursing Up porterà nel capoluogo lombardo non solo i propri esponenti da tutta la penisola - spiega lo stesso sindacato in una nota - ma invitando concretamente qualunque altro collega che condivide le nostre richieste, anche appartenente ad altre sigle professionali, altri movimenti, ad altri gruppi, in quello che dovrà essere il giorno di tutti quegli infermieri che hanno combattuto contro il 'mostro coronavirus', uniti senza sigle né bandiere.

Il giorno 4 luglio a Milano, in piazza Duomo - continua De Palma - sia per tutti noi non solo una manifestazione generale che rappresenta la miriade di voci che si uniscono in coro, voci che diventeranno, per qualche ora, 'una e una soltanto', pronte a 'raccontare' ancora una volta con coraggio, ai cittadini, testimoni oculari del dramma che stiamo vivendo, la necessità di un riconoscimento professionale ed economico che manca all'appello da ormai 20 anni.

Ma l'evento di Milano sarà soprattutto l'occasione per 'serrare le fila', per guardarci negli occhi, per trovare nuova forza gli uni negli altri, perché 'chi sta al potere' capisca una volta per tutte che gli infermieri, seppur pacificamente, non intendono affatto fermarsi qui. Non lo faremo - conclude De Palma - finché non avremo ottenuto quegli aumenti in busta paga che meritiamo, più di ogni altra categoria professionale, e non solo per quanto profuso sul campo contro la pandemia.