Lansox ® lansoprazolo

Lansox ® lansoprazolo

Scritto il 29/06/2020
da Sara Pieri

Lansox®, principio attivo lansoprazolo, è un farmaco appartenente alla categoria degli inibitori della pompa protonica nonché i responsabili della riduzione della quantità di acido che produce lo stomaco. Il lansoprazolo trova il suo impiego in diversi trattamenti, curativi o di prevenzione come: prevenzione di esofagite da reflusso, trattamento ulcera gastrica o duodenale, in casi di pazienti sottoposti a terapia FANS, trattamento per eradicazione helicobacter pylori.

Meccanismo d'azione Lansox® lansoprazolo

Il lansoprazolo, categoria inibitori della pompa protonica gastrica, inibisce lo stadio finale della produzione di acido gastrico.

L’inibizione è dose dipendente; una somministrazione singola di 30 mg per via orale rallenta la produzione di acido di circa l’80%. Questo principio attivo è nella maggior parte metabolizzato nel fegato e i metaboliti sono eliminati per via renale e biliare.

Interazioni

Gli effetti indesiderati relativi al lansoprazolo sono legati alla concomitante somministrazione di altri farmaci che potrebbero necessitare di un “ambiente” acido per poter agire, ciò significa che un inibitore della produzione di acido gastrico non ne permetterebbe il corretto assorbimento con una conseguente riduzione della biodisponibilità di tali farmaci, oppure, al contrario, rendere disponibile in quantità troppo elevate, come per esempio: inibitori della proteasi dell’HIV, digossina, metotressato, warfarin, teofillina.

Indicazioni Lansox® lansoprazolo

Assumere il farmaco nella forma farmaceutica consigliata, evitando di schiacciare o rompere le compresse. Il dosaggio consigliato è a discrezione medica in base alla causa che porta alla necessità di assunzione di tale farmaco.

Può essere assunto una o due volte al dì in base al dosaggio, prima del resto dei farmaci. In caso di sovradosaggio interfacciarsi con il proprio medico curante, in caso di dimenticanza evitare di assumere la dose troppo ravvicinata a quella successiva e non assumerne dose doppia per compensare. In caso di dubbi in merito rivolgersi al proprio medico curante.

Effetti indesiderati

Come per tutti i farmaci, anche lansoprazolo può avere effetti indesiderati più o meno comuni, come: cefalea, capogiri, sintomi gastrointestinali, eruzioni cutanee, astenia; meno comuni/rari: disturbi dell’umore, ritenzione idrica, febbre, disturbi della vista, anemia, pancreatite, colite.