Bene potenziamento con istituzione infermiere di famiglia

Bene potenziamento con istituzione infermiere di famiglia

Scritto il 14/05/2020
da Redazione

Con questo decreto viene confermata e istituita “per legge” la figura dell’infermiere di famiglia/comunità, ma è solo il primo passo. Commenta così il via libera del Cdm al Decreto Rilancio Barbara Mangiacavalli, presidente Fnopi, che punta però i riflettori sulla questione terapie intensive: Non possiamo farci trovare impreparati un’altra volta, servono circa 17mila infermieri in più in funzione solo dei nuovi posti previsti dal decreto.

Decreto Rilancio, Fnopi: servono più infermieri per terapie intensive

Secondo la Fnopi servono circa 17mila infermieri in più per le terapie intensive

Il Decreto Rilancio apre le porte al territorio. E lo fa anche secondo alcune linee che la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) chiede ormai da tempo, prevedendo un aumento degli organici.

La misura prevista per gli infermieri è di 8 ogni 50mila abitanti: 9.600 in più cioè, circa la cifra che FNOPI aveva già sottolineato come necessaria per dare il via alla figura dell'infermiere di famiglia/comunità durante la pandemia, anche se a regime ne serviranno secondo la Federazione almeno 20mila. In un primo tempo le assunzioni sono previste fino a fine anno, poi dal 2021 saranno stabilizzate a tempo indeterminato. Così Fnopi in una nota.

Questo passo - sottolinea Barbara Mangiacavalli, presidente FNOPI - riconosce la necessità già scritta da Governo e Regioni nel Patto per la salute 2019-2021 di introdurre a pieno titolo la figura dell'infermiere di famiglia/comunità. E non solo come supporto alla prima linea di COVID-19 che si sposta ormai sul territorio, ma anche per l'assistenza sempre necessaria a cronici e fragili non Covid.

Una figura che col Decreto Rilancio viene confermata e istituita 'per legge', spiega sempre il comunicato, aprendo la porta alla sua istituzione omogena su tutto il territorio nazionale per il miglioramento dell'assistenza.

Dove l'infermiere di famiglia/comunità è già attivo infatti (ad esempio dal 2004 in Friuli-Venezia Giulia, ma lo ha regolamentato anche la Toscana che lo affianca già in micro-équipe ai medici del territorio e altre Regioni hanno deliberato la sua in introduzione come il Piemonte, la Liguria, il Lazio ecc.) ha già dato risultati eccellenti: riduzione del 20% dei 'codici bianchi' al pronto soccorso, del 10% delle ospedalizzazioni, interventi più rapidi sul territorio con una riduzione dei tempi di percorrenza dal 33 al 20%, maggior gradimento dei cittadini.

Questo - aggiunge la presidente FNOPI - è il primo passo: ora si deve proseguire con un modello di assistenza in cui Governo e Regioni prevedano l'organizzazione omogenea sul territorio di queste nuove forze. Un passo a cui deve seguire un ampliamento della figura di questi professionisti che deve essere da subito ben definita, strutturata e riconosciuta a livello formativo.

Ma c'è un'ombra secondo FNOPI tra le righe del decreto che va risolta in fretta. Giustissimo e indispensabile prevedere nuovi posti di terapia intensiva: Non possiamo farci trovare impreparati un'altra volta, sottolinea Mangiacavalli. Per assicurare l'indispensabile assistenza di cui c'è bisogno in un settore così delicato, continua però la nota di Fnopi, è necessario prevedere un ampliamento dell'organico.

Gli standard nazionali e internazionali indicano che sono necessari ogni 8 posti letto di terapia intensiva 24 infermieri e 12 ogni 8 posti letto di terapia sub-intensiva: circa 17mila infermieri in più - senza considerare le carenze attuali sotto gli occhi di tutti - in funzione solo dei nuovi posti previsti dal decreto.

Secondo gli standard internazionali, ogni infermiere dovrebbe assistere in media non più di sei pazienti per ridurre il rischio di mortalità del 20-30%, ma ci sono regioni dove il rapporto raggiunge 1:16 e comunque non si scende sotto 1:9. E per le terapie intensive il dato è più rigido: un infermiere, ovviamente specializzato nell'emergenza, dovrebbe seguire al massimo poco più di un paziente e due in sub-intensiva per garantire un'assistenza all'altezza della gravità dei ricoveri. Oggi personale a sufficienza non c'è e i pazienti rischiano di restare soli.