Incubo al Moscati, nuova aggressione in Pronto Soccorso

Incubo al Moscati, nuova aggressione in Pronto Soccorso

Scritto il 01/07/2019
da Silvia Ancona

Nuovo caso di aggressione a danno di infermieri e medici in Pronto Soccorso. Accade all’Ospedale Moscati di Avellino dove due pazienti — entrambi in stato di ebbrezza — per poco non sono venuti alle mani. L’intervento tempestivo del personale infermieristico e medico ha sventato la rissa fra i due uomini, i quali successivamente hanno cominciato ad aggredire verbalmente infermieri e medici minacciandoli di morte.

Infermieri e medici minacciati di morte: denunciati gli aggressori

Un fenomeno ormai diffuso e sistemico in tutta l’Italia quello delle aggressioni in Pronto Soccorso, il quale aumenta esponenzialmente in concomitanza con la stagione estiva.

Un nuovo caso si è verificato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Moscati di Avellino dove due pazienti ricoverati — rivelatesi entrambi sotto l’effetto di alcool — hanno aggredito verbalmente gli operatori sanitari i quali avevano appena sventato una rissa fra i due.

In difesa del personale medico ed infermieristico è intervenuta la Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera "San Giuseppe Moscati" che — dopo aver sporto denuncia alla Polizia per l’aggressione — ha espresso solidarietà nei loro confronti proponendosi l’obiettivo di individuare contromisure da adottare per arginare un fenomeno ormai sistemico e diffuso a livello nazionale e per garantire la sicurezza del personale.

Organizzata già una riunione fra il Collegio di Direzione per affrontare le criticità dell’emergenza e del Pronto Soccorso e per valutare anche alcune proposte avanzate dai rappresentanti sindacali e dagli stessi operatori.