Fitoestrogeni e fitoprogestinici in menopausa

Fitoestrogeni e fitoprogestinici in menopausa

Scritto il 11/06/2019
da Sandra Ausili

Il termine della fertilità nella donna coincide con l'arrivo della menopausa. La menopausa è un momento fisiologico - non è una patologia - della vita della donna che indicativamente si verifica tra i 45 e i 55 anni di età, non sono rare però menopause precoci e tardive. Generalmente è preceduta da un periodo chiamato climaterio - che può durare anche diversi anni - dove si osservano alterazioni del ciclo mestruale (mestruazioni ravvicinate e abbondanti oppure più distanziate tra di loro). L'utilizzo di estrogeni e progesterone naturali, come i fitoestrogeni e i fitoprogestinici, aiuta la donna a ridurre i sintomi dovuti alla diminuzione degli ormoni nel sangue.

Menopausa, sintomi e rimedi

Con l'arrivo della menopausa le ovaie riducono la produzione di estrogeni e progesterone (ormoni sessuali femminili prodotti dalle ovaie) e di conseguenza diminuisce la loro presenza nel sangue. Il calo di ormoni porta con sé i tipici disturbi della menopausa, che sono:

La cefalea: uno dei sintomi della menopausa

  • vampate di calore
  • sudorazione notturna
  • dolori muscolari
  • cefalea
  • irritabilità
  • ansia
  • calo dell'umore
  • secchezza vaginale
  • deficit di memoria
  • palpitazioni
  • calo della libido
  • osteoporosi
  • secchezza di pelle e capelli.

Le conseguenze più importanti del calo degli estrogeni sono, invece, l'aumento del rischio cardiovascolare (infarto cardiaco, ictus cerebrale, ipertensione) e delle patologie osteoarticolari, in particolare l’aumento dell’incidenza dell’osteoporosi.

Ridurre i sintomi della menopausa

La prevenzione delle complicanze della menopausa, cardiovascolari e osteoarticolari, è possibile metterla in atto già dall'alimentazione. Occorre privilegiare alimenti integrali - più ricchi di fibra - vitamine e sali minerali. È importante ridurre i grassi in eccesso, i cibi troppo salati e bere almeno 25 ml di acqua per kg corporeo.

Per quanto riguarda il trattamento dei sintomi è essenziale identificare una terapia appropriata e personalizzata in base alle esigenze della donna.

Terapia ormonale sostitutivaIntegratori
Può essere d'aiuto e quindi necessario consultare il proprio medico che dovrà valutare il rapporto rischio/beneficio quando prescrive una terapia alla donna con disturbi in menopausa, in modo da aiutare la donna stessa ad operare una scelta informataGli omega 3 per la protezione cardio-vascolare, Vitamina D3 e K2 per mantenere la matrice ossea forte e i fitoestrogeni e fitoprogestinici

Fito-estrogeni e fitoprogestinici

In Italia solo il 34% delle donne in menopausa ricorre alla terapia ormonale sostitutiva sia per motivi psicologici sia per il timore di effetti indesiderati. L'alternativa alla terapia ormonale è l'utilizzo di integratori a base di fitoestrogeni e fitoprogestinici.

Cosa sono e a cosa servono i fito-estrogeni?

I fitoestrogeni vengono divisi in tre classi: isoflavoni, cumestani e lignani e vengono estratti dalla soia, dal trifoglio rosso, dal kudzu, dal luppolo, dal liquirizia, dal rabarbaro, dall'igname e dall'agnocasto.

Espletano l'attività simile-estrogenica grazie alla loro capacità di legarsi ai recettori degli estrogeni riducendo sia i disturbi dovuti alla carenza di estrogeni, sia quelli dovuti a un loro eventuale eccesso. Per questo motivo l'assunzione di integratori a base di fito-estrogeni danno sollievo ai disturbi della menopausa.

Quelli di prima generazione utilizzavano la soia, ora si prediligono altre piante (come kudzu e trifoglio rosso) i cui fitoestrogeni sono più biodisponibili. In particolare è preferibile l’utilizzo di estratti secchi titolati conservati in vetro scuro di grado farmaceutico.

Pausanorm Forte, integratore naturale prodotto da Salugea, per i disturbi della menopausa di nuova generazione apporta 80 mg/die di Isoflavoni vegetali.

Oltre ai Fitoestrogeni è presente anche un apporto di Fito-Progestinici; in tal modo si agisce favorevolmente per il riequilibrio ormonale della donna matura, riducendo i sintomi tipici della menopausa come vampate di calore, sudori improvvisi, instabilità d’umore, irritabilità, ansia, insonnia, sbalzi pressori. 

Questa particolare combinazione - Fito-estrogeni e fitoprogestinici - evita la cosiddetta condizione di “dominanza estrogenica” che si instaura quando viene effettuata solo una integrazione con fito-estrogeni, che mette la donna in una condizione fisiologicamente squilibrata ed innaturale.