Tagli a infermieristica, il governo fa dietrofront

Scritto il 10/07/2017
da Redazione

Tagli alle università delle professioni sanitarie? Il governo corre al riparo. Dopo la denuncia del governatore del Veneto Luca Zaia sugli squilibri a favore degli atenei romani nella distribuzione dei posti, è stata convocata per il 14 luglio al Miur la riunione del tavolo tecnico per la programmazione definitiva dei posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea delle professioni sanitarie.

Infermieristica e professioni sanitarie, il governo rivede i tagli

Professioni sanitarie, il governo rivede i tagli

Che si sia trattato di un errore di qualche burocrate o di un blitz sventato, l'importante è che la ripartizione dei fabbisogni formativi per le professioni sanitarie stabilita dal ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, venga rivista. Questo il commento del governatore del Veneto Luca Zaia che, pur felicitandosi della decisione del governo, si chiede come sarebbe andata a finire se il Veneto non avesse smascherato l'inghippo, denunciando il taglio di posti negli atenei di tutte le Regioni a favore di quelli del Lazio.

Nel denunciare il fatto eravamo certi della validità della nostra critica. Così facendo, abbiamo salvato da tagli potenti più o meno tutte le Regioni italiane, afferma Zaia. Ora saremo impietosi nel vigilare che, dalla nuova seduta del tavolo tecnico e dal successivo decreto ministeriale che ne scaturirà, le cose vengano fatte per bene. In caso contrario non esiteremo a ricorrere